Abbiamo tutti gli strumenti

E la competenza per usarli

disoleatore | disoleatori

Un disoleatore è fondamentale per la rilevazione di residui di idrocarburi ad esempio nel trattamento di acque piovane, rilevando e separando residui di oli, benzine, carburanti incombusti, in soluzione o uniti a sospensioni solide. Prima di acquistare un disoleatore è importante valutarne attentamente le caratteristiche: infatti, nonostante si tratti di una tipologia di impiantistica diffusa da diversi anni non si compra tutti i giorni ed è quindi un investimento a tutti gli effetti. I disoleatori saranno inoltre sempre più utilizzati, con molta probabilità, anche in seguito alle nuove leggi sul trattamento delle prime acque di pioggia a seguito di demolizioni di veicoli a fine vita ma non solo. I disoleatore son impianti usati quindi soprattutto nel settore ambientale e sono difatti chiamati anche separatori, perché separano l’acqua dai vario residui di oli e idrocarburi. Ovviamente a seconda del livello di inquinamento delle acque da trattare andranno utilizzati disoleatore diversi, con capienza e prestazioni adeguate alla portata da trattare.

Cerchi i migliori disoleatori in commercio? L’azienda Girelli Bruni è ocietà italiana che affonda le sue radici nei primi anni '50. Nell’offerta dei migliori disoleatori sul mercato operiamo mediante un’ attenta analisi fino nei minimi dettagli delle richieste, e con l'accurato esame di ogni particolarità delle esigenze, mediante la meticolosa valutazione delle soluzioni più opportune, un approccio aperto e flessibile nella definizione di ogni minimo particolare. Tutto ciò e ovviamente l’esperienza acquisita nel tempo ci consentono di offrire anche la consulenza necessaria per tipologia di disoleatore, a seconda dell’esigenza del cliente. Professionalità ed esperienza sono quindi per noi fattori che ci consentono di offrire un competente servizio ed un efficace supporto nella realizzazione di molteplici soluzioni adeguate a soddisfare le esigenze dei nostri Clienti, non solo nella scelta del disoleatore adeguato ma anche per la scelta di tutti i prefabbricati di struttura metallica che mettiamo a disposizione e progettiamo in base alle necessità dei clienti.

Cos’è il disoleatore? Si tratta di un impianto che serve a rigenerare i liquidi lubro refrigeranti e non solo, si tratta in sostanza di un dispositivo atto a risolvere il problema dell’inquinamento di vari liquidi da parte di residui di oli ed idrocarburi vari, come ad esempio i liquidi lubro-refrigeranti delle macchine utensili. Il disoleatore lavora a seconda della minor frequenza di rinnovo e/o reintegro delle emulsioni ed i minori volumi di olio da smaltire, perché sempre concentrati, che consentono una significativa riduzione dei costi di gestione. Una meticolosa sperimentazione in campo presso numerose e diversificate realtà produttive e la rigida applicazione in fase progettuale di specifici principi fondamentali dell’idraulica, hanno portato i nostri disoleatoria raggiungere risultati di rilievo. Si tratta senza alcun dubbio, come nel caso del separatore-disoleatore CFG-400 prodotto dalla nostra azienda Girelli Bruni, di un dispositivo facile da installare, semplice da far funzionare, di minima manutenzione, che previene anche fenomeni di anaerobiosi e la conseguente formazione di odori molesti. I vantaggi dei nostri disoleatori, ad esempio di questa tipologia specifica, utile per separare le parti inquinate dei liquiodio delel macchine utensili, è l’adattabilità ad ogni tipo di macchina, con il conseguente aumento della vita degli utensili, aumento della vita delle emulsioni, riduzione dei costi di smaltimento, diminuzione della flora batterica, facilità di utilizzo, riduzione dei tempi di pulizia. Questo disoleatore non necessita di manutenzioni e non utilizza aditivi.

Come si usa un disoleatore? Si tratta di un dispositivo molto semplice da usare: comodamente trasferibile da una postazione di lavoro all’altra, le condotte flessibili del disoleatore permettono di collegarsi ed adattarsi agevolmente al serbatoio della macchina utensile. Posizionate le prese di aspirazione e riflusso, allacciato il quadro elettrico che comanda la pompa autoadescante montata a bordo macchina, prendiamo l’esempio tra i disoleatori il nostro modello CFG-400, pronto ad operare in modalità manuale o automatica. Questo separatore provvederà ad aspirare il liquido da trattare dalla vasca di raccolta della postazione di lavoro, a separare l’olio inquinante, che verrà raccolto in una tanica pronto per essere smaltito, e restituire l’emulsione chiarificata alla macchina utensile. Ad integrazione della configurazione base dei nostri disoleatore, possono essere corredati di presa galleggiante autolivellante all’aspirazione, per adeguarsi alle variazioni di livello della vasca dell’emulsione, e di sensore di troppopieno della tanica raccolta olii.

La capacità e la funzionalità di un buon disoleatore si valuta a seconda delle diverse variabili presenti nel corso di un evento piovoso, quando si tratta di usare il separatore per le acque piovane. Ad esempio caratteristiche come estensione, pendenza e scabrosità ma anche le caratteristiche proprie della rete drenante come il calibro delle condotte o la tortuosità sono parametri pe rla valutazione del disoleatore adeguato. A progettazione di un impianto che offra funzionalità specifiche per ambito di intervento è fondamentale per una buona resa dell’operazione, non prima di aver effettuato un’attenta analisi dell’area da trattare. I disoleatori da noi progettati si distinguono quindi in modelli off line, cioè che raccolgono solo la prima pioggia e che quindi Questo perché nei campioni di prima pioggia in genere si trovano le più alte concentrazioni di idrocarburi ed oli inquinanti, nei pressi delle zone industriali. I disoleatori che raccolgono campioni di acque vicino agli stabilimenti industriali raccolgono quindi l’acqua piovana nei primi 30 minuti di precipitazione, analizzando su un campione istantaneo i parametri come ph, temperatura, cyanide, total phenols, residual chlorine, oil and grease, fecal coliform, e fecal streptococcus.

DISOLEATORE RIGENERATORE DI LIQUIDI LUBROREFRIGERANTI

Il disoleatore CFG-400 è un dispositivo atto a  risolvere il problema dell’inquinamento dei liquidi lubro-refrigeranti delle macchine utensili. La minor frequenza di rinnovo e/o reintegro delle emulsioni ed i minori volumi di olio da smaltire, perché sempre concentrati, consentono una significativa riduzione dei costi di gestione.
Una meticolosa sperimentazione in campo presso numerose e diversificate realtà produttive e la rigida applicazione in fase progettuale di specifici principi fondamentali dell’idraulica, hanno portato il CFG-400 a raggiungere risultati di rilievo.

Facile da installare, semplice da far funzionare, di minima manutenzione, il CFG-400 previene anche fenomeni di anaerobiosi e la conseguente formazione di odori molesti.

VANTAGGI

Adattabile ad ogni tipo di macchina utensile, aumento della vita degli utensili, aumento della vita delle emulsioni, riduzione dei costi di smaltimento, diminuzione della flora batterica, facilità di utilizzo, riduzione dei tempi di pulizia, non necessita di manutenzioni, non utilizza aditivi

SEMPLICITÀ DI UTILIZZO

Comodamente trasferibile da una postazione di lavoro all’altra, le condotte flessibili permettono di collegarsi ed adattarsi agevolmente al serbatoio della macchina utensile.
Posizionate le prese di aspirazione e riflusso, allacciato il quadro elettrico che comanda la pompa autoadescante montata a bordo macchina, CFG-400 è pronto ad operare in modalità manuale o automatica.

CFG-400 provvederà ad aspirare il liquido da trattare dalla vasca di raccolta della postazione di lavoro, a separare l’olio inquinante, che verrà raccolto in una tanica pronto per essere smaltito, e restituire l’emulsione chiarificata alla macchina utensile.

Ad integrazione della configurazione base CFG-400 può essere corredato di presa galleggiante autolivellante all’aspirazione, per adeguarsi alle variazioni di livello della vasca dell’emulsione, e di sensore di troppopieno della tanica raccolta olii.

Dati tecnici

 
Ingombro max (mm) B 450x L 750 x H 1150
Peso a secco 100 kg
Capacità serbatoio 70 litri
Tensione 220 V / 50 Hz
Raccorderia in ottone ed acciaio zincato
Ruote in nylon